I blog di Alessioempoli

Data 28 agosto 2016

I GLUTEI – 1°

Per ingrandire il testo, cliccare sul browser

Per ingrandire le foto, cliccarci sopra

MACROLANE  GLUTEI

Rimodellamento non chirurgico

 

 

Il trattamento dei glutei con acido ialuronico avviene in anestesia locale,è ambulatoriale,non necessita di ricovero e la paziente può rientrare con le proprie gambe a casa.

Il giorno successivo può riprendere la sua attività lavorativa senza alcun problema.

L’acido ialuronico per il gluteo ha la funzione di dare un effetto di tonificazione del gluteo stesso.

 

Naturalmente vi sono punti di repere importanti che sono :

 

– dalla cresta iliaca al punto centrale del gluteo,bilaterale e

– una linea centrale che attraversa l’emigluteo

 

Il punto d’incontro di queste due rette è il “centro di luce”  del nostro gluteo.

Il nostro lavoro dovrà dare un effetto di sollevamento del gluteo quindi dovremo andare a lavorare nella parte leggermente più in alto,inoltre dovremo lavorare  nella parte centrale del gluteo per dare un effetto di arrotondamento.

 

E’ consigliabile trattare il meno possibile la parte inferiore per non appesantire eccessivamente il gluteo.

 

1-43k

 

1a-48k

 

 

Il trattamento prevede l’uso del VRF20 e VRF30

Il VRF 30 è utilizzato nella parte più profonda e centrale

Il VRF 20 è utilizzato soprattutto nella parte più periferica.

 

L’accesso viene fatto dalla zona centrale dalla quale facciamo il trattamento di tutto il gluteo.

Con 60 cc. abbiamo infiltrato tutto il gluteo.

40 cc di VRF 30 per gluteo

 

Spostando il punto luce verso la zona mediale,permette di dare un effetto di riduzione di larghezza del gluteo e quindi un effetto estetico più piacevole.

 

Premiamo il punto d’ingresso e massaggiamo energicamente in modo da distribuire bene il prodotto.

E’ molto importante bagnare leggermente il gluteo per aumentare la sensibilità della mano e sentire meglio se ci sono dei punti di mancanza di prodotto .

 

In periferia usiamo una tecnica diversa andando più in superficie con una tecnica multitunnel più esasperata cioè con movimenti più veloci e con un deposito di materiale inferiore,questo per rendere più omogeneo il trattamento.

E’ importante sentire sempre con la mano la distribuzione del prodotto.

Bisogna assolutamente evitare di sconfinare con la cannula il limite del disegno che abbiamo tracciato  proprio per evitare che il prodotto possa migrare in zone non desiderate.

Quando si usa il VRF 20 il movimento è molto più rapido perchè dovendo stare in superficie dobbiamo fare sì che il prodotto non sia assolutamente paalpabile.

Alla fine massaggiare energicamente la parte infiltrata per distribuire uniformemente il prodotto.

Quindi occorre riempire di più la parte alta e mediale per dare un senso di restringimento del gluteo.

Alla fine del trattamento avremo messo 50 cc di VRF 20 e 40 di VRF 30.

 

 

2-48k

 

3-48k

 

4-46k

 

5-48k

 

6-47k

 

7-49k

 

8-47k

 

9-48k

 

10-48k

 

11-48k

 

12-50k

 

13-50k

 

14-49k

 

15-45k

 

16-49k

 

17-46k

Il punto luce si è spostato più internamente,nel punto indicato dall’ago, e superiormente in modo da dare l’impressione che il gluteo sia più stretto in senso laterale.

 

18-46k

Nella foto possiamo vedere come il riempimento del gluteo sinistro avviene soprattutto medialmente e quindi l’effetto che si ottiene è quello di un gluteo più stretto e più alto.

 

19-36k

Il punto d’ingresso viene suturato,perchè è un punto molto sollecitato perchè la paziente sedendosi crea pressione su di esso.

 

20-45k

 

21-41k

 

22-43k

Vediamo come il punto luce si sia spostato dalla zona laterale alla zona più mediale e più alta.

 

23-36k

Una replica a “I GLUTEI – 1°”

  1. know scrive:

    Well written!

Lascia una risposta