I blog di Alessioempoli

Data 12 ottobre 2015

AMPLIFICATORI DI POTENZA R.F. – 2°

Per ingrandire il testo, cliccare sul browser

Per ingrandire le foto, cliccarci sopra

AMPLIFICATORI DI POTENZA R.F. – 2°

 

 

Amplificatore lineare di potenza R.F.

26 – 28 MHz

 

 

E’ un dispositivo elettronico che serve ad amplificare il segnale RF che viene applicato al suo ingresso,in modo “lineare” (cioè senza distorsione della forma d’onda).

Un buon amplificatore deve amplificare il segnale in ingresso di almeno 10 dB (10 volte).

Importante è che la parte R.F. sia ben schermata da quella di alimentazione.

Tutte le bobine devono essere sovradimensionate per non riscaldare eccessivamente.

I condensatori variabili di banda,devono essere di ottima fattura e tutti i componenti metallici sottoposti a corrente R.F., devono essere argentati, per una migliore conduzione della stessa.

Il ventilatore di raffreddamento della valvola deve avere un circuito di ritardo che la raffredda per circa 2 minuti,anche dopo lo spengimento del lineare.

Questo lineare è un classico circuito “griglia a massa“, che offre diversi vantaggi,tra i quali quello di non dover neutralizzare la valvola alla prima installazione e ad ogni sostituzione.

Assicura inoltre,una stabilità di funzionamento per ogni condizione di carico e temperatura,scongiurando il problema delle autoscillazioni.

Nel circuito viene usato un TRIODO DI POTENZA dell’americana EIMAC (o russaSVETLANA),il cui punto di lavoro è determinato dal diodo Zener catodico che la porta a lavorare in Classe AB2.

Il circuito d’ingresso è a π e permette di avere sempre un ottimo adattamento di impedenza tra eccitatore e lineare.

Il circuito d’uscita è anch’esso a π ed è costituito da 2 condensatori variabili molto robusti e affidabili.

I comandi dei condensatori variabili sono riportati sul pannello frontale in modo di poter accordare l’apparecchio a qualsiasi antenna o carico esterno che abbiano l‘impedenza tra i 30 ed i 100 Ω .

Il variabile di Placca è indicato con PLATE e quello d’Antenna con LOAD.

Con questi condensatori si predispone il lineare al suo funzionamento nella gamma voluta e si accorda il circuito d’uscita per il massimo trasferimento di potenza all’antenna.

Sul pannello frontale ci sono due indicatori analogici ad ago: uno indica l’assorbimento anodico a riposo e sotto carico e l’altro l‘uscita R.F. relativa.

Un piccolo deviatore commuta fra la posizione SSB ed AM.

La potenza d’uscita R.F. del lineare dipende dalla potenza R.F. d’ingresso.

Un altro piccolo deviatore commuta la banda 26-27 oppure 27-28 MHz.

Infine c’è anche l’interruttore acceso/spento (ON-OFF) della alimentazione di B.T.

Un altro piccolo deviatore nella posizione di STBY OFF fa sì che i circuiti amplificatori siano disinseriti e quindi si esca solo con la potenza dell’eccitatore (TX),mentre nella posizione di STBY ON ,l’amplificatore viene inserito .

 

3 - 3CX1500A7 - 8877-  - 235 K - CARATTERISTICHE

 

ASPETTO ESTERNO

 

86-- 414 K

Dimensione: 47 (L) x 30 (H) x 40 (A/R) Lamiera zincata

 

 

87- 493 K

 

 

88- 506 K -

E’ visibile il potente ventilatore posteriore

 

 

89- 547  K

Valvola con il circuito di raffreddamento anodico rinforzato

 

 

90- 530  K

Circuito anodico con il robusto condensatore di prelevamento ceramico ad alto isolamento

 

 

 

91- 383 K

Circuito anodico

 

 

 

92- 526 K

Scatolino a sn: contenitore valvola Scatolino centrale: Trasformatore B.T. Scatolino a dx: Relè d’antenna

 

 

 

SCHEMA ELETTRICO

 

93- 900 K ----schema-elettrico

 

 

94 -  384 K - Zoccolo (piedini)- copiato

 

 

95 - zoccolo - 371 K

3CX1500A7

 

 

96-- 467 K - Zoccolo-(montaggio-)

3CX1500A7

 

POLARIZZAZIONE DEL TUBO

ZENER

 

97 - -zener - 119 K

 

98 - -zener - 37 K

 

99 - zener - 153 K

 

100- 96 K - zener

 

– ZENER DI POLARIZZAZIONE

8V – 50W (metallico)

 

 

TRASFORMATORE B.T. (Bassa tensione)

Filamento + Servizi

 

– VALORI TEORICI: filamento 5V – 10A

– VALORI CONSIGLIATI: 5,5 v – 11A ( a causa della caduta di tensione sotto carico)

– SECONDARIO del filamento: con presa centrale

– SECONDARIO SERVIZI: due uscite 14v e 27v2A (ovviamente a seconda delle necessità)

– E’ consigliabile richiedere al costruttore di mettere lo SCHERMO INTERNO

– Per maggiore sicurezza il trasformatore dovrà essere schermato all’esterno ,quindi racchiuso in

uno scatolino mettallico (vedi foto)

– DIMENSIONI: (circa), H = 5 cm, L = 8,5 cm, A/R = 7 cm.

 

TRAPPOLA per R.F. sul Primario 220 V

n.2 Impedenze separate su ferrite di Ø 10 mm x 100 mm di lunghezza

Filo smaltato Ø 0,8 mm, n. 90 spire ciascuna

350 microH ciascuna

 

101---256 K---220-dell'AT

 

 

TRASFORMATORE DI ALTA TENSIONE (A.T.)

 

USCITA SECONDARIO

1.800 V.a.c. — rettificata = 2.538 V.c.c. (circa)

1.950 V.a.c. — rettificata = 2.750 V.c.c. (circa)

2.100 V.a.c. — rettificata = 2.960 V.c.c. (circa)

2 A CONTINUI

DIMENSIONI: H = 17 cm, L = 20 cm, A/P 12 cm (solo la mierini)

22 cm (comprese le sporgenze del nucleo)

E’ consigliabile richiedere al costruttore di mettere la SCHERMATURA interna per un maggiore

isolamento R.F.

 

102---219 -K---misura-AT

 

7) Autotrasformatore di rete per la regolazione della tensione di filamento

 

103--- 224 K - autotrasformatore

 

Un autotrasformatore di questo tipo può essere molto utile qualora la tensione di rete sia troppo bassa o troppo alta,per assicurare la giusta tensione sul filamento in modo che lavori in condizioni ottimali.

Ricordiamo che l’ENEL garantisce una variazione della tensione di rete fino ad un valore del 10% in più o in meno,rispetto al valore teorico dichiarato.

 

104 - 804 K -  2x3CX800AT+ alim.

Amplificatore con 2x3CX800A7 e Alimentatore esterno (26-28 MHz)

 

 

 

105--- 487 K - 2x3CX800A7

Amplificatore 2x3CX800A7 (26-28 MHz) Camini in Teflon

 

 

 

106---444 K - 2x3CX800A7

Amplificatore 2x3CX800A7 (26-28 MHz) Camini in Teflon

 

 

 

107--- 431 K - 2x3CX800A7

Amplificatore 2x3CX800A7

 

 

 

108--- 490 K - 2x3CX800A7

2x3CX800A7 – Robusto ventilatore posteriore

 

 

 

109 - 592 K - Alimentatore esterno

Alimentatore esterno

 

 

110--- 498 K - alimenta

Alimentatore esterno

 

 

111---A - 477 K -

Parte inferiore dell’alimentatore con gli elettrolitici ed i diodi di rettificazione

 

 

CONTROLLO DELLA STABILITA’ DELL’AMPLIFICATORE

 

Inserire l’A.T. e chiudere il K a massa attivando il relativo relè manualmente:

– La corrente anodica a riposo,deve essere quella indicata dai dati specifici e perfettamente stabile

– Se la corrente a riposo varia,cioè non è costante,vuol dire che c’è instabilità, questa situazione può determinare come effetto collaterale un forte rumore nel trasmettitore che può interessare qualunque frequenza

– Se la corrente anodica a riposo è al momento stabile,per essere sicuri che non ci sia instabilità, (ovviamente senza alcun segnale in ingresso), si ruota prima il variabile di placca lentamente per tutta la sua capacità,osservando lo strumento anodico,la corrente anodica dovrà essere perfettamente stabile. Si ripete la stessa manovra ruotando il variabile d’antenna e la corrente dovrà rimanere ancora stabile,è più difficile che l’instabilità sorga durante la rotazione di questo variabile.

– Una autooscillazione dell’amplificatore può determinare:

Calore alla mano toccando la manopola di uno o entrambe i variabili

Forte rumore nel TX

Variazione brusca della corrente anodica e del watmetro che possono arrivare a fondo scala, in particolare appena eccitiamo l’amplificatore questi strumenti possono essere sbattuti in fondo scala anche in modo violento

Aumento di luminosità di una o più lampadine dell’amplificatore e/o del TX

Interferenza nelle radio esterne

Blocco di uno o più relè durante l’eccitazione dell’amplificatore,oppure un loro funzionamento intermittente

Modulazione in SSB : se non sono presenti inneschi,durante le pause di modulazione,la potenza in uscita dell’amplificatore deve scendere quasi a zero,per esempio,da 3 Kw di uscita deve scendere intorno a 3-400 w. Se invece il segnale in uscita rimane molto alto,diciamo intorno al Kw,allora è molto probabile che sia presente un innesco.

Tuttavia attenzione a non amplificare troppo la modulazione per esempio usando il Mic gain,perchè in questo caso si potrebbero avere gli stessi problemi.

Disturbi sul TX

Se è presente instabilità,può accadere che, quando si dà l’A.T. all’amplificatore in STBY, sul TX può comparire del QRM o francamente un vero fischio.

– attenzione che quando si dà l’A.T. a riposo,cioè senza segnale in ingresso,e si va a chiudere manualmente il relè catodico,facendo quindi passare corrente anodica,qualora ci sia una forte autooscillazione,essa può perfino impedire l’apertura del relè anche se gli togliamo tensione.

E’ evidente che in questo caso,bisogna essere molto veloci a staccare subito l’A.T. perchè se si instaura una forte corrente anodica senza possibilità di controllo,ciò potrebbe danneggiare fortemente il tubo. Occorre tener presente che in presenza di autooscillazione,il polarizzatore catodico non controlla la stessa corrente anodica.

 

RIMEDI

 

Possono essere molti,vediamone alcuni.

 

– Occorre accorciare al massimo i collegamenti fra la griglia e la massa,sarebbe bene piegare leggermente gli stessi piedini verso l’esterno per avvicinarli il più possibile alla massa.

E’ bene collegare ogni singolo piedino a massa con il collegamento più corto possibile e con un conduttore abbastanza spesso.

Impedenza sul K ,attenzione perchè a volte facendola in ferrite può causare autooscillazione.

Per una frequanza sui 28-30 MHz,che è abbastanza alta,è sufficiente fare un’impedenza su plexiglass o meglio su teflon. Sono sufficienti una trentina di spire su un diametro di 5-6 mm.

Cavetto schermato RG 58 in ingresso per l’eccitazione

qualora si facciano delle prove con eccitatore esterno,sarebbe bene mantenerlo inferiore al m, diciamo circa 50 cm. Il pericolo di autoscillazione scompare quando il cavetto viene collocato all‘interno dell’amplificatore riducendone al massimo la lunghezza.

– Fare il collegamento A.T. ,se proveniente da un alimentatore esterno,tramite un cavo schermato RG8

– Si possono usare eventuali impedenze antiparassitarie di placca (Shok)

– Fare i collegamenti dal trasformatore B.F. all’impedenza di blocco,i più corti possibile.

– Il Pi greco d’ingresso è meglio metterlo dentro ad uno scatolino metallico che crea una schermatura R.F., possibilmente con 2 Pi greco,uno per 26-27 ed uno per 27-28 MHz. Per portare il segnale sul Pi -greco occorre usare un cavetto schermato RG58,che possiamo saldare direttamente sul circuito stampato,ma è molto meglio entrare con due bocchettoni PL ,uno per l’ingresso ed uno per l’uscita,avendo così una maggiore schermatura R.F. ed una maggiore stabilità dell’amplificatore.

 

VARIABILI D’INGRESSO (ROS)

Per avere il massimo rendimento in uscita dell’amplificatore,sarebbe bene usare dei variabili in ingresso e poi ottenuta la massima uscita,eventualmente bloccarli,per evitare spostamenti,ovviamente se sono abbastanza solidi,non serve bloccarli.

E’ consigliabile usare variabili sui 1000 Pf e partire con la taratura tenendo i variabili quasi chiusi,questo perchè se partiamo con i variabili troppo aperti,rischiamo di accordare su una armonica ed allora il ROS in ingresso non scenderà,con il rischio di creare una autooscillazione pericolosa.

Mentre si ricerca il minimo ROS occorre tener presente anche la potenza in uscita sul wattmetro e quindi bisogna girare i variabili non solo cercando il minimo ROS,ma allo stesso tempo controllando anche che la potenza salga.

 

Precauzione

 

– Prima di controllare se il lineare è stabile,è bene chiudere il relè d’antenna,perchè nel caso si crei una forte ed improvvisa autooscillazione,l’eventuale R.F. presente può essere scaricata in parte sul carico fittizio,evitando così un forte arrossamento dell’anodo con un possibile grave danneggiamento del tubo.

 

Cariche elettrostatiche sul variabile d’antenna

 

A volte si possono osservare specialmente al buio delle piccole scariche elettrostatiche fra le lamine del variabile d’antenna, sentendone talvolta anche il rumore.

Per eliminarle si può mettere un’impedenza fra statore e massa autocostruita con una cinquantina di spire di rame smaltato ,per precauzione le prime 4-5 spire si possono distanziare leggeremente ,anche se la tensione fra le spire è molto bassa. Ancora, per evitare eventuali accoppiamenti con questa impedenza,per maggiore precauzione si può circondare con un tubetto di ottone a massa,oppure si può inserire direttamente dentro allo scatolino metallico in cui si trova il relè d’antenna.

Anzichè distanziare le prime spire,cosa impossibile se non si crea prima una filettatura sul plexiglass,per fare prima,si possono avvolgere le prime 10 spire inserendole dentro ad un tubicino di sterling.

L’impedenza deve essere saldata sul relè dalla parte collegata al variabile d’uscita ,perchè altrimenti si troverebbe collegata direttamente sul TX , quando questo è collegato direttamente all’antenna (in assenza di eccitazione) e quindi in parallelo all’antenna di cui ne varierebbe le caratteristiche e quindi, varierebbe anche l’impedenza di carico del TX (il TX deve vedere l’impedenza dell’antenna di 50 Ohm e non anche quella dell’impedenza in parallelo, in uscita dal Pi greco).

 

 

Collaudo dell’amplificatore_______________________

 

Controllo sequenziale del lineare

A) prima si controllano tutti i comandi ausiliari senza A.T.

B) poi si controlla il POLARIZZATORE con A.T.

C) infine si controlla l‘EMISSIONE R.F.

 

A) Controllo dei comandi ausiliari senza l’A.T.

1) Accendere il lineare

– usare un variac per dare tensione al filamento in modo da aumentarla gradualmente per evitare extracorrenti di chiusura

– controllare che si accenda regolarmente la spia rossa di acceso/spento

– controllare che il ventilatore funzioni regolarmente

– controllare che la tensione sul filamento della valvola sia del giusto valore

 

2) Controllo della presa RCA

– mettere il lineare sulla posizione “STBY-ON

– inserire un cavetto nella presa RCA e toccare un punto di massa controllando che tutti i relè si chiudano regolarmente

– ripetere l’operazione mettendo “STBY-OFF”, tutti i relè devono rimanere diseccitati

 

3) Controllo del transito del TX in antenna

– occorre controllare che il TX transiti regolarmente in antenna (naturalmente collegando prima il carico fittizio).

– controllare la potenza in uscita del TX sul wattmetro

– controllare che il relè di transito del segnale del TX ,insieme a tutti i componenti parassiti, con esso collegati, non crei un ROS eccessiovo. In genere se è tutto regolare, il ROS si mantiene intorno a valori di 1,1 – 1,3 .

 

4) Controllo dell’eccitazione automatica del relè e dell’SSB

– mettere l’amplificatore su “STBY-ON”

– mettere l’amplificatore su “AM” (modulazione d’ampiezza)

– usare appena 4-5 w di eccitazione

– dare piccoli colpi di eccitazione col TX ,appena quanto basta per sentire e/o vedere direttamente che i relè si eccitano regolarmente

– mettere il lineare su “SSB” ,dare piccoli colpi di eccitazione,se il circuito SSB funziona regolarmente, si potrà sentire che il “ritardo” in chiusura dei relè, funziona regolarmente.

 

B) Controllo del Polarizzatore con A.T.

 

– si inserisca l‘anodica

– lasciare inserito il carico fittizio sull’uscita dell’amplificatore perchè in caso di autooscillazione le valvole sono più protette in quanto possono scaricare in parte l’R.F. sul C.F.

– mettere il lineare su “STBY-OFF

– inserire un cavetto nella presa RCA e collegarlo a massa con un coccodrillo

– mettere il lineare su “SBY-ON

– il K viene collegato subito dal relè che si chiude,sul polarizzatore e quindi a massa tramite lo strumento amperometrico

– se tutto è regolare,l‘assorbimento massimo a riposo deve essere di circa 100-150 mA

 

C) Controllare l’emissione R.F.

 

Forte e repentina autooscillazione

Occorre fare la massima attenzione nel caso in cui sorgesse una forte (o meno forte) autooscillazione,perchè molte volte questo fenomeno determina il blocco permanente di tutti i relè in chiusura e quindi anche rilasciando il pulsante del TX per interrompere il segnale di eccitazione in ingresso

all’amplificatore,il TX rimane permanentemente in trasmissione perpetuando così l’autooscillazione che potrebbe causare seri danni alla valvola.

L’unico modo per interrompere questo fenomeno è quello di avere la massima prontezza ad interrompere manualmente l’ A.T.,così facendo ogni forma di autooscillazione si interrompe.

 

Pi greco

Considerazioni generali

112 - 24 - Pi-greco - 147 K

 

113 -  - Pi-greco - 157 K

 

 

114 -  - Pi-greco - 326 K

 

 

115 -  - Pi-greco - 242 K

 

 

TRASMETTITORI COMMERCIALI

Ricordiamo che tutti i trasmettitori commerciali sono tarati su una impedenza di 52 ohm.

 

PI-greco d’ INGRESSO del LINEARE

Quindi per avere un perfetto accordo del Pi-greco d’ingresso del lineare,lo stesso dovrà essere accordato su una impedenza di 52 Ω oltre che sulla frequenza di lavoro del TX.

GRID-DIP

116 - - GRID-DIP - 183 K

 

 

Se costruite un CIRCUITO ACCORDATO,avrete sicuramente necessità di conoscere su quale frequenza questo si accordi.

Lo strumento capace di risolvere in modo pratico e preciso questo problema è il GRID-DIP. Questo strumento è di particolare utilità per il radioamatore in quanto permette di misurare la frequenza di risonanza di un CIRCUITO ACCORDATO a INDUTTANZA e CAPACITA’ in modo estremamente rapido ed agevole,senza che vi sia nemmeno la necessità di dissaldare il circuito accordato in prova dal resto del circuito.

Il GRID-DIP è uno strumento di grande versatilità ed è insostituibile quando si debbano realizzare circuiti,quali quelli dei trasmettitori o dei ricevitori,in cui sono presenti bobine e condensatori che debbono assieme risuonare su delle frequenze ben precise.

E’ infatti nota a tutti la difficoltà di realizzare un circuito accordato che risuoni su una determinata frequenza; in generale,una volta realizzata la bobina ed inserito il condensatore di appropriata capacità,si riscontrano sempre delle differenze,spesso anche notevoli,rispetto alla frequenza di risonanza desiderata.

Queste variazioni sono dovute ad una molteplicità di fattori imprevedibili e pertanto,possono essere eliminate solo ricorrendo ad una messa a punto sperimentale del circuito accordato nelle sue reali e definitive condizioni di impiego.

Il funzionamento del GRID-DIP è molto semplice,si tratta di un oscillatore la cui frequenza può essere variata a piacere in base alle indicazioni riportate su di una scala graduata.

Quando nelle vicinanze della bobina dell’oscillatore viene a trovarsi un circuito accordato sulla stessa frequenza,quest’ultimo comincia evidentemente ad assorbire energia sottraendo potenza all’oscillatore del GRID-DIP.

Le variazioni di potenza vengono evidenziate da uno strumento opportunamente inserito il quale,pertanto,segnalerà con il suo movimento quando la frequenza dell’oscillatore del GRID-DIP è uguale a quella di risonanza del circuito che si vuole provare.

La misura è,come si vede,oltremodo semplice; basta avvicinare la bobina esploratrice del GRID-DIP a quella del circuito accordato e ruotare la sintonia del GRID-DIP fino a che lo strumento non segnali l’uguaglianza delle due frequenze.

A questo punto basta leggere sul quadrante del GRID-DIP la frequenza di risonanza del circuito accordato.

I primi GRID-DIP erano evidentemente a valvole,anzi proprio dal tubo elettronico deriva la denominazione di questo strumento.

Infatti <grid> vuol dire <griglia> e <dip> potrebbe letteralmente essere tradotto <inclinazione,caduta>,nel caso specifico volendosi indicare una improvvisa deviazione della corrente di griglia quando il circuito dell’oscillatore viene sintonizzato sulla frequenza di accordo della bobina che si sta provando.

Il tipo classico di GRID-DIP porta,infatti,uno strumento inserito sulla griglia del tubo in modo da misurarne la corrente che vi passa e mettere in evidenza la brusca diminuzione che questa subisce quando viene assorbita potenza dall’esterno.

La valvola poi,per ovvi motivi di alimentazione e d’ingombro,è stata abbandonata per sostituirla con i transistor; la denominazione invece è rimasta la stessa anche se,utilizzando i transistor,si sarebbe dovuto provvedere a cambiare anche quest’ultima.

Ci teniamo a premettere che il GRID-DIP non serve solamente per determinare la frequenza di risonanza di un circuito, ma le funzioni che esso può esplicare vanno ben oltre questa operazione abbastanza semplice.

Lo si può infatti impiegare come:

– generatore di A.F. per tarare ricevitori (specie sulle gamme VHF,dove in pratica è impossibile reperire a prezzi accessibili uno strumento adatto),

– per determinare le frequenze di risonanza di un’antenna,

– per trappole e filtri

– per la determinazione della frequenza di risonanza dei tratti di linea,

– per accordare una bobina di compensazione su un’antenna caricata,ecc.

 

La bobina del GRID-DIP ovviamente,deve essere intercambiabile in maniera di avere la possibilità di esplorare le gamme di frequenza tra le onde corte e le VHF.

 

Sull’esterno dello strumento c’è una scala graduata che indica le frequenze di risonanza per ogni bobina impiegata.

 

117 - 74-induttanza - 128 K

 

 

 

 

118 - 1- 150 K - induttore

119 - 2- 170 K - induttore

120 - 3- 1-160 K induttori

121 - 4 - 2- 150 K - induttore

122 - - 160 K - induttore

123 - 6 - 150 K- induzione

 

 

124 - -solenoide - 105 K

 

 

1) π d’USCITA______________________

– Per adattare l’ IMPEDENZA D’USCITA del lineare su 52 OHm ,occorre usare un CARICO FITTIZIO a 52 OHm e di potenza adeguata.

– I condensatori variabili del π d’USCITA devono essere possibilmente tarati il più possibile A META’ della loro CORSA sul CENTRO BANBA,così se dobbiamo coprire la frequenza di 26-28 MHz,dovremo cercare di regolarli a metà corsa sulla frequenza di 27 MHz.

Questo perchè avremo una capacità residua dei condensatori sufficiente per poter coprire (accordare) su tutta la banda 26-28 MHz.

Scendendo di frequenza,la capacità aumenta,salendo di frequenza la capacità diminuisce.

– Se volessimo aumentare l’escursione di frequenza,al di sotto dei 26 MHz o al di sopra dei 28 MHz,dovremmo cambiare il valore dell‘INDUTTANZA della bobina del π .

– Per essere sicuri che l’adattamento di impedenza con l’antenna sia perfetto, possiamo controllare alcuni parametri.

 

a) sia il VARIABILE di PLACCA che quello d’ANTENNA,non dovranno essere completamente aperti, completamente chiusi.

b) possiamo controllare il GUADAGNO del tubo,se ad es. un tubo ha un guadagno di 14 dB e il costruttore ci dice che l’USCITA deve essere 1000w con un un PILOTAGGIO di 40w, è evidente che che: 1000:40 = 25,quindi il Log 25 = 14 ed allora se siamo riusciti ad ottenere questi dati,cioè la potenza d’uscita di 1000w con 40w di pilotaggio,vuol dire che i dati del costruttore sono soddisfatti e quindi il nostro lineare viaggia a pieno regime.

c) Ma dovremo controllare ancora un altro parametro perchè se vi è un disadattamento di IMPEDENZA sull’ ANTENNA, allora una parte più o meno grande del segnale d’uscita potrebbe ritornare in dietro e quindi la potenza che leggiamo sul WATMETRO potrebbe non corrispondere al vero.

Dobbiamo allora controllare sempre il ROS in antenna e contemporaneamente dobbiamo leggere sullo strumento quanto è il valore della POTENZA RIFLESSA in W che dovrà essre sottratta dalla POTENZA DIRETTA.

 

– E’ evidente che, se per ottenere la massima potenza d’uscita il VARIABILE di PLACCA dovesse risultare TUTTO APERTO (cioè alla minima capacità),allora vuol dire che dovremo DIMINUIRE l’ INDUTTANZA del π (cioè togliere una spira),se al contrario,il variabile di Placca dovesse risultare TUTTO CHIUSO (cioè alla massima capacità),allora vuol dire che dovremo AUMENTARE l’ INDUTTANZA del π (cioè aumentare una spira).

– Per evitare l’ACCORDO su una ARMONICA, è consigliabile iniziare la taratura del π con i condensatori entrambi regolati alla massima capacità e quindi procedere più o meno velocemente in apertura.

– Il “Q” dovrebbe essere compreso fra 10 e 20,se è più basso,si ha un AUMENTO di armoniche in uscita; se è più alto,si ha un AUMENTO delle PERDITE,causato dalle maggiori correnti che circolano nel circuito volano.

– La LARGHEZZA DI BANDA dei CIRCUITI ACCORDATI,è generalmente espressa come Differenza in Frequenza fra due punti nei quali la POTENZA dell’amplificatore si riduce alla META’ del valore che ha al CENTRO BANDA.

Questi punti vengono denominati di solito PUNTI A META’ POTENZA.

 

125 - - 137 K

 

Influenza del “Q” sulla radiazione di armoniche

Per circuiti aventi un “Q” superiore a 10 ,qualunque ulteriore aumento non apporterà più alcuna apprezzabile riduzione delle ARMONICHE,sicchè occorrerà ricorrere ,piuttosto che ad un ulteriore aumento del “Q”,all’impiego di addizionali CIRCUITI FILTRO esterni all’amplificatore.

 

Impedenza di accordo

Il numero delle spire dell’impedenza deve essere determinato in modo che a CENTRO BANDA : 27 MHz si abbia la massima potenza d’USCITA R.F. (W).

 

Condensatore di prelevamento R.F.

Per 26-28 MHz,la capacità ottimale è di 1.000 Pf,ovviamente dovrà essere ad alto isolamento e ad alto amperaggio. Vi è da dire che la capacità di questo condensatore influenza la posizione (capacità) dei due variabili del π .

 

Soppressione della 2° armonica

Il π è un Trasformatore a R.F. che adatta la BASSA IMPEDENZA del CAVO COASSIALE con l’ ALTA IMPEDENZA DI CARICO delle VALVOLE. Con il π che si usa normalmente sugli amplificatori ,la soppressione della 2° armonica è di circa 30-35 dB con un “Q” di 12. Naturalmente questa è una buona attenuazione,ma se il segnale TV è molto debole,potrebbe essere necessaria un’ulteriore attenuazione con un FILTRO PASSA-BASSO esterno.

 

Limiti di trasformazione del π

Si è detto che il Pi-greco è un Trasformatore di Impedenza,ma quali sono i suoi limiti? Dobbiamo considerare due impedenze:

Z1 : è l‘IMPEDENZA DI CARICO del TUBO.

Questo valore varia

– a seconda della classe di funzionamento del tubo,

– a seconda delle TENSIONI e CORRENTI applicate

 

 

Z2 : – è l’ IMPEDENZA del CAVO COASSIALE

Essa è ormai standardizzata a 50 OHm

Quindi il π “vede” quasi sempre un’IMPEDENZA composta da una componente RESISTIVA e da una componente REATTIVA (capacitiva o Induttiva).

Ammesso Z2 = 50 OHm, il Pi-greco può trasformare fino ad una Impedenza di Carico del Tubo di 5000 OHm,il chè vuol dire un RAPPORTO DI TRASFORMAZIONE = 100 (5000:50=100).

 

Possibili difficoltà

a) aumento della frequenza oltre 28 MHz

Più saliamo di frequenza e più la capacità richiesta per il variabile di PLACCA diminuisce,fino a diventare molto bassa,per es. 30-32 Pf. Questi valori sono molto bassi se si pensa che la sola capacità d’ USCITA DEI TUBI può aggirarsi anche sui 15-17 Pf. A questa capacità va aggiunta la CAPACITA’ MINIMA del VARIABILE, più le varie capacità PARASSITE, ad es. delle PIATTINE di COLLEGAMENTO,ecc. Alla fine è facile superare la capacità richiesta di soli 30-32 Pf,allora un rimedio possibile è quello di usare un VARIABILE con capacità RESIDUA veramente MINIMA. Il problema può essere risolto usando un variabile SOTTO VUOTO. Se poi eventualmente sulle frequenze più basse (40-80 m) mancasse un po’ di capacità,si potrà COMPENSARE con una capacità COMMUTABILE.

 

Tensione del variabile di antenna (LOAD)

Sul condensatore d’antenna la TENSIONE è piuttosto BASSA.

 

126 - 153 K - impedenza ant.

 

Impedenza di blocco anodica (A.T. + R.F.)

Questa impedenza ha il compito di lasciar passare la corrente continua per la valvola e di bloccare la R.F. che esce dalla valvola e che altrimenti entrerebbe sull’ alta tensione.

esempio: Anodica = 2A

Smaltato Ø 1 mm

Sezione (S) = 0,78 mm2

Si considera 3,5 A/mm2

Amperaggio (A) = 0,78 x 3,5 = 2,74 A

quindi il filo smaltato di Ø 1 mm è più che sufficiente

Supporto : Teflon Ø 20 mm x 15 cm, le prime 10 spire devono essere leggermente spaziate per un maggior isolamento. Ancoraggio del filo dal piano metallico, a distanza di 3 cm

 

127 - 178 K- impedenza AT

Impedenza di blocco anodica (n.2 3CX800A7) o n.1 3CX1500A7)

 

128---483 K - Pi-greco-d'Uscita

Pi-greco d’USCITA per 3CX800 e 3CX1500A7. I VARIABILI sono molto robusti e ben spaziati per evitare scariche fra le lamine. Un piccolo ventilatore aumenta notevolmente la dissipazione termica del circuito.

 

129 - 148 K - formule

 

Questa formula è semplificata perchè in realtà si dovrebbe considerare anche la resistenza Ohmica dei VARIABILI,cioè l’ IMPEDENZA e non solo la REATTANZA. Comunque l’approssimazione della formula è più che sufficiente.

 

Capacità dei variabili per n.1 tubo 3CX1500A7

Variabili come quelli usati nella foto dell’amplificatore e cioè AD ARIA

Variabile di ANTENNA: circa 800 Pf

Variabile di PLACCA: circa 160 Pf

capacità residua: circa 45 Pf

 

CHOKE DI PLACCA

E’ utile per smorzare eventuali oscillazioni parassite nel campo delle VHF.

 

 

ROS in antenna (Rapporto Onde Stazionarie)

 

Più si usano alte potenze R.F. e più l’antenna deve essere ben accordata perchè altrimenti la potenza RIFLESSA potrebbe essere molto alta e quindi potrebbe creare dei grossi inconvenienti.

 

E’ utile quindi,parlare brevemente del ROS,anche se molti lo conoscono (giustamente) già molto bene.

 

130 - 148 K

 

COME usare correttamente un ROSMETRO

 

Chi usa un’antenna per trasmettere può facilmente verificare se la sua impedenza si adatta al valore del cavo coassiale,collegando all’uscita del trasmettitore uno strumento chiamato ROSMETRO (misuratore Rapporto Onde Stazionarie) oppure SWR (Standing Wave Ratio).

Questo strumento misura il RAPPORTO tra la TENSIONE inviata dal Trasmettitore verso L’ ANTENNA (Onda Diretta) e quella che l’ antenna rimanda verso il Trasmettitore (Onda Riflessa) a causa di un DISADATTAMENTO DI IMPEDENZA.

 

Nello strumento presente in un Rosmetro commerciale,il primo numero a sinistra non è uno zero,ma sempre un 1 ,proseguendo verso destra troveremo 1,1-1,2-1,5 ecc…, fino a terminare con il numero 20 oppure con il simbolo infinito.

 

Quando il valore dell’impedenza dell’antenna risulta identico a quello del cavo coassiale,lo strumento indica sempre un rapporto pari a 1.

 

– Infatti se l‘antenna ha un’impedenza di 52 Ohm e il cavo coassiale ha un’impedenza di 52 Ohm,il RAPPORTO sarà paria : 52:52 = 1

 

– Se l‘antenna ha un’impedenza di 75 Ohm e il cavo coassiale un’impedenza di 52 Ohm il RAPPORTO sarà pari a: 75:52 = 1,4

 

– Se l’antenna ha un’impedenza di 37 Ohm e il cavo coassiale un’impedenza di 52 Ohm,il RAPPORTO sarà pari a: 52:37 = 1,4

 

NOTA = Il valore d’Impedenza MAGGIORE va sempre diviso per il valore d’Impedenza minore, quindi se lo strumento del Rosmetro indica un rapporto di 1,5 l’antenna potrebbe avere

questi due valori d‘Impedenza:

52 x 1,5 = 78,0 ohm

52 : 1,5 = 34,6 ohm

 

Conoscendo il valore SWR è possibile determinare il fattore di perdita eseguendo questa operazione:

 

fattore perdita = [( SWR – 1 ) : ( SWR + 1 )]2

Se ad esempio rileviamo un rapporto di 1,5 dovremo prima eseguire questa operazione:

(1,5 – 1 ) : ( 1,5 + 1 ) = 0,2

poi dovremo elevare questo numero al quadrato:

0,2 x 0,2 = 0,04 fattore perdita

Conoscendo il fattore di perdita potremo calcolare quanta potenza verrà dispersa.

 

 

Ammesso di avere un Trasmettitore che eroghi una potenza di 60 watte un fattore di perdita pari a 0,04,perderemo una potenza di :

60 x 0,04 = 2,4 watt

quindi l’antenna irradierà soltanto:

60 – 2,4 = 57,6 watt

 

La potenza non irradiata ritornerà verso l’uscita del trasmettitore sotto forma di ONDE STAZIONARIE.

Se il RAPPORTO rimane entro un valore di 1,4-1,5 le perdite possono essere considerate più che accettabili,mentre se si supera 1,7 si inizieranno a perdere delle potenze alquanto consistenti

Con un RAPPORTO di 1,9 su 60 watt perderemo circa 60 x 0,096 = 5,76 watt.

 

ROSMETRI

 

Nei Rosmetri possono essere presenti uno oppure 2 strumenti.

 

Se vi sono 2 strumenti ,uno di questi viene utilizzato per misurare l’ONDA DIRETTA e l’altro per misurare l’ ONDA RIFLESSA.

 

Nel caso sia presente un solo strumento,troveremo sempre un deviatore che provvede ad inviare sullo strumento il segnale dell’ Onda Diretta oppure il segnale dell’ Onda Riflessa.

 

131 - 68 K

 

 

132 - 185 K

 

 

 

 

133 - 118 K

 

 

 

134 - 221 K

 

 

135 - 135 K

 

136 - 112 K

 

 

 

 

 

137 - 95 K

 

 

138 - 151 K

 

FREQUENZE ARMONICHE

 

139 -  254 K- armoniche

 

 

140 - -Passa-Basso - 190 K

 

Quindi chi possiede un ricetrasmettitore CB e non riesce a ridurre al minimo il rapporto delle onde stazionarie,se avesse la possibilità di controllare con un Analizzatore di Spettro quante frequenze fuoriescono dal suo trasmettitore noterebbe che,oltre alla frequenza fondamentale dei 27 MHz,fuoriescono anche dei segnali sulle frequenze armoniche dei 54-81-108 MHz.

 

Chi possiede un ricetrasmettitore sui 145 MHz noterà che,oltre alla frequenza fondamentale,fuoriescono anche dei segnali sulle frequenze armoniche dei 290-435-580 MHz.

Per eliminare queste frequenze armoniche è sufficiente collegare all’uscita del trasmettitore un FILTRO PASSA/BASSO: la lancetta dello strumento scenderà immediatamente a 1.

 

141 - 173 K

 

 

FILTRO PASSA BASSO

Un filtro Passa/Basso in grado di eliminare tutte le frequenze armoniche è composto da una INDUTTANZA e da due CONDENSATORI.

Questo filtro si calcola in modo da eliminare la prima ottava superiore.

Quindi nel caso di un trasmettitore per 27-30 MHz conviene calcolare il filtro sui 35 MHz circa.

Nel caso di un trasmettitore per i 90-100 MHz,conviene calcolare il filtro sui 120 MHz.

Nel caso di un trasmettitore per i 144-146 MHz,conviene calcolare il filtro sui 150 MHz.

 

Per ricavare il valore della INDUTTANZA L1 espressa in microhenry dovremo usare questa formula:

 

L1 microhenry = 15,9 : MHz

Per ricavare il valore dei due CONDENSATORI C1 espresso in picofarad useremo la formula:

 

C1 picofarad = 3.180 : MHz

Conoscendo il valore di L1 e di C1 potremo calcolare su quale frequenza il filtro inizierà ad attenuare le armoniche,utilizzando la formula:

 

MHz = 318 : √ L1 x (C1 + C1)

ESEMPIO di calcolo

 

26 – 30 MHz

 

Vogliamo realizzare un filtro Passa/Basso per la gamma CB ,quindi vorremmo sapere che induttanza usare per L1 e che capacità per C1.

Come frequenza di taglio sceglieremo i 30 MHz per evitare di attenuare,anche se in modo irrisorio,tutte le frequenze inferiori.

Per calcolare il valore dell’induttanza L1 useremo la formula che abbiamo precedentemente riportato:

 

L1 microhenry = 15,9 : MHz

Quindi per una frequenza di taglio di 30 MHz ci occorre una bobina che abbia un’induttanza di:

15,9 : 30 = 0,53 microhenry

Ricaveremo quindi la capacità dei condensatori C1 da applicare ai due lati di L1 con la formula:

 

C1 picofarad = 3.180 : MHz

quindi dovremo utilizzare dei condensatori da:

3.180 : 30 = 106 picofarad

Poichè il valore standard della induttanza potrebbe risultare di 0,5 microhenry e quella dei condensatori 100 picofarad ,potremo calcolare quale sarà la frequenza di taglio di questo filtro utilizzando la formula:

 

MHz = 318 : √ L1 x (C1+C1)

utilizzando i valori sopra riportati il nostro filtro inizierà ad attenuare tutte le frequenze superiori a:

318 : √ 0,5 x ( 100+100) = 31,8 MHz

Se sostituiremo i condensatori da 100 pF con dei condensatori da 120 pF il nostro filtro inizierà ad attenuare da una frequenza di:

318 : √ 0,5 x (120+120) = 29 MHz

Il filtro PASSA/BASSO sui WATTMETRI

 

Un filtro Passa/Basso può risutare ancora utile quando si controlla la potenza d’USCITA di un Trasmettitore tramite un Wattmetro di RF.

Se sull’uscita del nostro trasmettitore sono presenti una infinità di frequenze armoniche,tutti i wattmetri indicheranno una potenza che non corrisponderà mai a quella reale.

 

Ammesso che un trasmettitore eroghi sulla frequenza fondamentale una potenza di 50 awtt,sulla 1° armonica una potenza di 5 watt,sulla 2° armonica una potenza di 2 watt,il wattmetro indicherà che il nostro trasmettitore eroga una potenza di 57 watt perchè avrà sommato tutte le potenze delle frequenze armoniche.

Se all’uscita del del trasmettitore collegheremo un filtro Passa/Basso che provveda ad eliminare tutte le frequenze armoniche,leggeremo la reale potenza erogata dal trasmettitore,cioè 50 watt.

 

142 -armoniche - 166 K

 

2) π d’ingresso_____________________

 

Pi-greco di “pretaratura a freddo”

Prima di installare un Pi-greco definitivo all’interno del lineare, consiglio di usare un π di prova per mettere a punto lo stesso in modo molto vicino alle condizioni reali di lavoro e soprattutto in modo MOLTO RAPIDO.

Come si vede consiglio di realizzare un π all’interno di uno scatolino di metallo in modo che sia ben schermato.

All’esterno vi sono le due manopole di regolazione dei variabili di INGRESSO (INP) e USCITA (OUT).

Le dimensioni sono: L = 23 cm, H = 7 cm, A/R = 12 cm.

 

143 - pigreco - 260 K

Pi-greco d’ingresso

 

 

145 - pigreco - 281 K

 

Come si può facilmente vedere all’interno vi sono 2 condensatori variabili ciascuno con 2 sezioni di 500 pF cad. per un totale di 1.000 pF a condensatore.

I condensatori devono essere di buona realizzazione meccanica,su isolatori in ceramica e con una discreta spaziatura fra le lamine.

Ricordiamo che se le lamelle non sono perfettamente parallele,durante la rotazione dei variabili,le lamine possono avvicinarsi eccessivamente e quindi facilmente possono scaricare.

Qualora durante l’eccitazione si verificassero delle scariche fra le lamine,ciò impedirebbe la messa a punto del π.

Se avvengono delle scariche fra le lamine,talvolta si possono facilmente sentire,tanto più se la potenza di pilotaggio sale,ma si possono anche vedere se l’ambiente è in penombra.

Qualora non si senta o non si veda scaricare fra le lamine,ricordo che,durante le scariche,è impossibile accordare il π perchè c’è un passaggio di R.F. dal rotore allo statore e quindi a massa.

Come si vede le due sezioni di ogni variabile sono collegate in parallelo.

I variabili sono collegati rispettivamente al connettore d’ INGRESSO ed a quello d’USCITA con due conduttori di rame nudo, i più corti possibile.

I connettori di Ingresso e di uscita sono 2 PL isolate in Teflon (anche se andrebbero bene quelle in bachelite,poichè la potenza di eccitazione è piuttosto bassa).

Il π è collegato al lineare tramite due spezzoni di cavo coassiale del tipo RG58 ciascuno della lunghezza di 1 m.

Questo π deve essere posto sul tavolo di lavoro,collegato al K del lineare ed accordato sotto eccitazione del TX (vedremo più avanti).

Possiamo vedere i due variabili all’interno dello scatolino.

Fra i due variabili vi è anche l‘IMPEDENZA per l’accordo sulla frequenza desiderata (vedremo avanti).

 

GRID-DIP

La prima taratura di questo π deve essere fatta a freddo ,cioè col π sul tavolo senza alcuna connessione con il lineare nè con il TX, tramite l’impiego del GRID-DIP che ci permetterà di scegliere il numero di SPIRE più giusto per l’IMPEDENZA fra i variabili.

Se vogliamo accordare il π sulla banda 26-28 MHz,allora dovremo scegliere un numero di spire per cui si abbia la risonanza a CENTRO BANDA e cioè su 27 MHz con i variabili a metà corsa (per avere una riserva di capacità su tutta la banda).

 

– i cavetti di collegamento al π influenzano il ROS d’ingresso,essi non devono essere nè troppo lunghi,nè troppo corti,in linea generale è bene farli intorno al metro di lunghezza. Ovviamente devono essere fatti con cavetto schermato del tipo RG58.

E’ bene mantenere la stessa lunghezza dei cavetti anche dentro al lineare.

 

 

Taratura a freddo del Pi greco (sul tavolo di lavoro)

 

 

147  - 122 K

 

– Il π deve già essere stato tarato inizialmente con il GRID-DIP per cui abbiamo già inserito su di esso l’impedenza con il giusto numero di spire tarandolo a centro-banda cioè su 27 MHz.

– Banda da coprire = 26-28 MHz

– Il consiglio è di partire subito con le due sezioni collegate in parallelo,cioè con i 1000 Pf disponibili, perchè se la capacità di accordo è troppo bassa,si potrebbe facilmente accordare su un‘armonica,nel qual caso il π non potrebbe essere accordato su 27 MHz ed il ROS sarebbe molto > 1

– E’ evidente che la taratura non corrisponderà poi esattamente a quella effettuata sul K (sotto eccitazione),ma sarà molto vicina.

 

1) Taratura su 26-28 MHz (centro banda 27 MHz)

 

Frequenza del TX = centro banda 27 MHz

– Durante questa fase di “PRETARATURA” del π occorre naturalmente tenere la potenza di uscita del TX molto bassa,bastano solo 5w,per evitare un eventuale riscaldamento del transistor finale del TX,in quanto fino a quando il π non è perfettamente tarato,vi può essere un leggero ritorno di R.F. che ,nel caso in cui la potenza di uscita del TX fosse troppo alta,potrebbe danneggiare il finale.

– Ricordiamo inoltre che,durante questa taratura,dovremo schiacciare la portante del TX ad intervalli piuttosto brevi, cercando l’accordo più in fretta possibile.

27 MHz = ROS 1,4 – 1,6

27,5 MHz = ROS 1

28 MHz = ROS 1,4 – 1,6

 

Anche se il valore del ROS ai lati va più che bene,se vogliamo ulteriormente ridurlo,occorre dividere la banda in due sottobande: 26-27 MHz e 27-28 MHz.

 

2) Taratura sulla banda 26-27 MHz (centro banda 26,5 MHz)

 

Frequenza TX = centro banda 26,5 MHz

In questo caso il π dovrà essere tarato sulla frequenza di centro banda 26,5 MHz, per cui avremo:

 

26 MHz = ROS 1,1-1,2

26,5 MHz = ROS 1

27 MHz = ROS 1,1-1,2

 

3) Taratura sulla banda 27-28 MHz (centro banda 27,5 MHz)

 

Frequenza del TX = centro banda 27,5 MHz

In questo caso il π dovrà essere tarato sulla frequenza di centro banda 27,5 MHz,per cui avremo:

 

27 MHz = ROS 1,1-1,2

27,5 MHz = ROS 1

28 MHz = ROS 1,1-1,2

 

 

– Capacimetro

Una volta ottenuti gli accordi desiderati su 26,5 MHz e su 27,5 MHz,dovremo misurare con un capacimetro le capacità dei due variabili e scriverle su di un foglio di carta, perchè ci serviranno come valori di riferimento per fare la taratura dei due pi-greco definitivi su circuito stampato da usare all’interno del lineare.

 

– Ricordiamo che valori di ROS oltre 1,5-1,7 potrebbero essere molto pericolosi in quanto potrebbero causare delle autoscillazioni in grado di danneggiare seriamente il finale del TX come pure la valvola del lineare (specialmente usando alte potenze).

 

– In base alle prove effettuate i valori risultanti delle CAPACITA’ dei variabili sono i seguenti:

 

INGRESSO:

26,5 MHz = 260 pF

27,5 MHz = 247 pF

USCITA:

26,5 MHz = 400 Pf

27,5 MHz = 354 pF

 

 

 

– ricordo che per avere un buon margine di manovra,durante l’accordo del circuito, la capacità di ciascun variabile dovrebbe essere almeno il DOPPIO di quella necessaria ,perchè in questo modo,la metà rimanente di capacità ci permette molto agevolmente di poterci spostare a destra e a sinistra del variabile (cioè aumentare o diminuire le capacità) in modo da trovare l’accordo giusto con facilità.

 

– In base ai valori di capacità trovati,possiamo passare ora alla realizzazione del π d’ingresso su c.s. da collocare direttamente dentro al telaio del lineare.

 

– Preciso anche che,quando si usano dei piccoli compensatori sul c.s. di bassa capacità,circa 250 pF cad ed in particolare se ne usiamo 2 in parallelo,diventa molto difficoltoso accordarli separatamente ,occorre molta esperienza,altrimenti è molto probabile non riuscire a fare la taratura ,anche se conosciamo già indicativamente i valori delle capacità.

Se non si riesce nell’impresa,non rimane che ricorrere a soli 2 variabili di capacità più alta,come abbiamo già visto,ma in un unico corpo,in modo che con una singola rotazione si abbia a disposizione tutta la capacità richiesta.Ovviamente con questa soluzione,lo spazio richiesto per l’alloggiamento del π aumenta notevolmente.

 

Pi greco definitivo entrocontenuto nell’amplificatore

 

– In base ai risultati ottenuti con il π contenuto nello scatolino metallico,abbiamo trovato i seguenti valori:

 

INGRESSO:

26,5 MHz = 260 pF

27,5 MHz = 247 pF

USCITA:

26,5 MHz = 400 pF

27,5 MHz = 354 pF

 

– In base a questi valori,ho ritenuto giusto usare come capacità complessive dei variabili le seguenti:

 

INGRESSO:

26,5 MHz = 500 pF (capacità residua di manovra: 240 pF)

27,5 MHz = 500 pF (capacità residua di manovra: 253 pF)

USCITA:

26,5 MHz = 582 pF (capacità residua di manovra: 182 pF)

27,5 MHz = 582 pF (capacità residua di manovra: 228 pF)

 

Con queste capacità residue possiamo trovare abbastanza facilmente l’accordo.

 

 

– Per coprire la gamma 26-28 MHz,io uso 2 Pi greco realizzati su c.s. (circuito stampato) e contenuti in uno scatolino metallico per ottenere la massima schermatura.

– Un Pi greco copre la gamma 26-27 MHz,mentre l’altro 27-28 MHz.

– Entrambe i Pi greco (come già detto sopra),sono tarati a centro banda.

– Come variabili uso dei piccoli condensatori rotondi metallici con dielettrico solido, di circa 250 Pf cad.,in parallelo che possono sopportare una potenza massima di circa 100 w ,che è sufficiente a pilotare una valvola come la 3CX1500A7.

– I condensatori e l’impedenza del π sono collocati su c.s.

– Lo scatolino metallico è munito di due bocchettoni PL in ingresso e in uscita.

– Poichè occorre commutare i 2 Pi greco a seconda della banda usata,all’interno dello scatolino,insieme ai pi greco,uso anche un relè a 12v.c.c. per la commutazione dei 2 pi greco. Questo relè viene comandato da un piccolo interruttore sul pannello anteriore,dove a sinistra è scritto 26-27 e a destra 27-28.

Questo relè potrà anche essere comandato da un alimentatore esterno,durante la taratura dei due Pi greco sul tavolo di lavoro.

– Sul coperchio dello scatolino sono riportati i 4 fori per la taratura dei variabili durante l’eccitazione del lineare.

– Poichè questi variabilini hanno una capacità molto piccola,circa 250 pF cad.,occorre usarne per ogni banda: 26-27 MHz e 27-28 MHz,due in parallelo, sia in ENTRATA che in USCITA .

– Anche così facendo,le due capacità in USCITA non sono sufficienti,per cui occorre aumentarle leggermente con due condensatori fissi ceramici posti sotto al c.s. da 82 pF cad.

– Anche così facendo,sarebbe impossibile accordare questi circuiti direttamente sull’ingresso del lineare,a caldo, per la prima volta,perchè dovendo ruotare un compensatore alla volta,a causa della loro bassissima capacità,anche con la massima attenzione,nel 99% dei casi faremmo una taratura su una frequenza ARMONICA e quindi il lineare non potrebbe erogare la massima potenza (oltre ad altri inconvenienti).

– Quando andiamo a tarare il pi-greco sul c.s.,dovremo prima mettere i variabilini a META’ CORSA in modo da avere metà capacità disponibile per la messa a punto della loro taratura.

 

148 - 277 K

 

 

Pi-greco d'ingresso: impiego di L2

Pi-greco d’ingresso: impiego di L2

 

a) se aumento le spire di L2,diminuisce il ROS sulla frequanza di taratura,ma aumenta molto ai lati della banda.

Se per es. nella banda 26-27 MHz taro il π su 26,5 e ottengo un ROS di 1,1 quando vado a controllare ai lati,cioè su 26 e su 27 MHz,il ROS aumenta notevolmente intorno a 1,8-1,9.

Questo perchè il circuito diventa più stretto.

b) Se tolgo L2,il circuito tende a diventare a banda più larga,con un ROS leggermente più alto sulla frequenza di taratura,ma che si mantiene quasi uguale ai lati.

c) Generalmente non uso mai L2,salvo casi particolari.

 

150--- 460 K - Pi-greco-d'ingresso

Pi-greco d’ingresso

 

Pi-greco d’INGRESSO per 3CX800A7 e 3CX1500A7, completo di Relè di commutazione di banda: 26-27 MHz e 27-28 MHz,il tutto è racchiuso in uno scatolino metallico contenuto nella parte inferiore del telaio. Input ed Output con prese PL.

Impedenza a comune fra le due bande,con i variabilini compensati con condensatori ceramici fissi per ogni banda,sistemati sotto il c.s.

 

151 - 222 K -  Pi-greco d'ingresso

Pi-greco d’ INGRESSO con fori per la taratura delle bande

 

 

152--- 188 K - cs-x-Pi-greco-Input

c.s. per il Pi-greco d’INGRESSO

 

153 - 572 K - Zoccolo (montaggio)

3CX1500A7

 

 

USO DI UN LINEARE “PILOTA

 

Quando un lineare è molto potente,cioè usa delle valvole che richiedono una notevole potenza di PILOTAGGIO,a volte può non essere sufficiente usare un semplice TX come eccitatore.

In genere la maggior parte dei TX hanno una potenza che si aggira intorno a 100w in continua (di più in SSB) e quindi non conviene “tirare il collo” al TX ,ma è meglio farlo lavorare comodamente,magari a metà potenza e aggiungere un lineare “PILOTA” che abbia la potenza necessaria per spingere il FINALE comodamente.

 

1) Accordo del PILOTA su CARICO FITTIZIO

 

a) accordare Il π d’ingresso del FINALE sull‘USCITA del TX a 50 Ohm

b) mettere il FINALE in STBY

c) accordare il PILOTA direttamente su un CARICO FITTIZIO a 50 Ohm

d) mettere il FINALE in STBY-ON (cioè pronto per essere eccitato)

e) attivare tutta la linea: TX > PILOTA >FINALE

f) il lineare PILOTA è già stato accordato su un carico a 50 Ohm e quindi è perfettamente pronto ad eccitare il FINALE.

 

Attenzione,il PILOTA ha già l’ USCITA del suo π accordata sui 50 Ohm del C.F.,quindi la sua USCITA è già pronta ad entrare sul π d’ingresso del FINALE e quindi può essere lasciata in queste condizioni. La potenza trasferita dal PILOTA al FINALE sarà ottima.

Tuttavia,si può ulteriormente migliorare l’ACCOPPIAMENTO fra PILOTA e FINALE ritoccando leggermente i VARIABILI del π d’USCITA del PILOTA,ma ciò va fatto con molta attenzione e precisione,perchè se variamo un po’ troppo la capacità del variabile di PLACCA e/o d’ANTENNA,c’è il rischio di accordare il PILOTA su un’ARMONICA ,quindi la potenza del FINALE diminuirà e le valvole del PILOTA arrosseranno un po’ troppo col rischio di rottura.

 

2) Uso del PILOTA con il FINALE ed anche direttamente sull’ANTENNA

Qualora il PILOTA venga usato anche direttamente in ANTENNA da solo,(quindi con il FINALE in STBY),è evidente che il suo π d’USCITA dovrà essere ritoccato ed accordato direttamente sull’ANTENNA,perchè ricordiamo che l’IMPEDENZA del π d’INGRESSO del FINALE,anche se tarata a 50 Ohm,non sarà mai perfettamente identica all’IMPEDENZA dell’ANTENNA.

 

ROS in INGRESSO

 

Ricordiamo che quando usiamo una linea R.F. con 2 lineari (Pilota e Finale) contemporaneamente, occorre sempre, controllare i valori di ROS che si trovano fra:

 

TX e PILOTA

PILOTA e FINALE

FINALE ed ANTENNA

 

Se così non facciamo,rischiamo di fare un grande “arrosto”!

 

154 - 150 K - linea

 

155---339 -k---LINEA

 

TX: nasce già tarato perfettamente su 52 ohm

 

156 - 188 K - tx-pilota

 

 

a) il π d’ingresso del lineare Pilota va tarato sull’USCITA del TX in modo che il ROS sia il più basso possibile,in genere si arriva ad 1,1. Così facendo,abbiamo la certezza che l’INGRESSO del lineare Pilota ha un‘impedenza di 52 ohm.

Questo π non deve più essere ritoccato.

b) l’USCITA del lineare Pilota deve essere tarata sui 52 ohm del C.F.

Questa uscita non deve più essere ritoccata.

 

157---425 -K---linea

 

PROSEGUIAMO NELL’ACCORDO DI TUTTA LA LINEA

 

RICAPITOLANDO

 

1) Il TX nasce perfettamente tarato su 52 ohm

2) L’INGRESSO del Lineare PILOTA è già stato tarato sui 52 Ω del TX

3) L’USCITA del Lineare PILOTA è già stata tarata a 52 Ω su CARICO FITTIZIO

4) l’ INGRESSO del FINALE deve essere tarato a 52 Ω sull’USCITA del Lineare PILOTA

che è già stata tarata a 52 Ω sul C.F.

5) L’USCITA del FINALE va accordata o sul C.F. durante le prove di messa a punto, oppure direttamente in ANTENNA.

 

A QUESTO PUNTO,TUTTA LA LINEA E’ ACCORDATA PER DARE LA MASSIMA USCITA R.F.

MODALITA’ D’USO

1) Solo il TX : mettendo il PILOTA ed il FINALE in STBY

2) Tx + PILOTA: mettendo il FINALE in STBY

3) TUTTA LA LINEA: attivando sia il PILOTA che il FINALE (STBY-ON)

 

Questa “catena di comando” si usa a partire dal pilotaggio di una sola 3CX3000A7 in sù,quindi per 2- 3CX3000A7, per una 3CX10.000A7 o 3CX15.000A7.

 

Potete stare tranquilli che nessuno vi sovramodulerà o vi potrà mettere la portante,sarebbe come sbattere contro un muro d’acciaio!

 

 

COMANDI AUTOMATICI

 

Occorre fare una precisazione e cioè che,se vogliamo usare tutta la linea usando dei comandi automatici per la commutazione dei vari relè (e sono tanti),occorre far sì che quando il segnale del PILOTA,che può anche essere piuttosto alto,anche di 1KW,quando arriva sul K del FINALE,occorre che questo relè sia già aperto,perchè altrimenti l’RF che arriva e trova il relè chiuso,ritorna in dietro potendo causare dei notevoli inconvenienti.

A tutto ciò,per sicurezza,si può rimediare mettendo tutte le commutazioni dei relè A MANO,ovviamente tutte in contemporanea,siamo sicuri così che tutto si svolgerà in modo perfettamente sicuro ed il segnale RF di eccitazione scorrerà libero come su un’autostrada.

 

 

ALIMENTAZIONE DELLA LINEA

 

Un consiglio personale è quello di non richiedere la corrente all’ENEL per una serie di motivi,fra i quali,non ultimo,quello economico.

Ricordiamo fin da ora,che sarebbe impossibile ottenere dall’ENEL una tale fornitura in MONOFASE,perchè come sappiamo,dovremmo prendere una FASE ed il NEUTRO da una LINEA TRIFASE,cioè un terzo della potenza fornita.

 

Dovremo necessariamente usare una linea TRIFASE con relativo RADDRIZZATORE .

E’ molto comodo,anzichè pagare una bolletta molto salata all’ENEL,usare un GRUPPO ELETTROGENO ad accensione elettronica,di 20-25 KW TRIFASE.

Questi gruppo hanno anche un’uscita a potenza più bassa in MONOFASE 220v per eventuali altre esigenze di servizio.

Se questa fornitura non ci fosse,si può sempre usare una FASE ed il NEUTRO per le nostre necessità.

Questi gruppi da cantiere si trovano facilmente usati,in ottimo stato e ad un prezzo accettabile.

BUONI DX !!!!

 

 

CARICO FITTIZIO

 

158 - BIRD C.F. - 109 K

 

 

Quando si usano potenze così alte è bene usare un carico fittizio affidabile per ogni messa a punto.

 

 

AMPLIFICATORI XXXL

 

159--- 386 K - 2x1500a7

N.2 tubi: 3CX1500A7

 

160--- 442 K - 3CX1500A7

Montaggio di N.3 tubi: 3CX1500A7 – Potenza OUT. Key-down 6 Kw

 

 

161--- 434 K - Alimentatore-2-o-3-(8877)

Alimentatore per N.2 0 3 tubi: 3CX1500A7 oppure N.1: 3CX3000A7

 

 

162--- 499 K - amplificatore-3x1500

Amplificatore con N.2 0 3 tubi: 3CX1500A7 oppure con N.1 o 2 tubi: 3CX3000A7

 

 

163--- 412 K - ampilfi-2x1500

N.2 o 3 tubi: 3CX1500A7 oppure N.1 o 2 x eCX3000A7 con uscita in cavo CELFLEX 1/2″ o 7/8

 

 

164--- 416 K - 2x1500

N.2 tubi: 3CX1500A7 con potente ventilatore posteriore, 4 Kw K.D. OUT.

 

 

165--- 432 K - linea-completa

Linea completa

 

 

166-- 280 K - -3 CX3000A7

N.1 o 2 x 3CX3000A7 – 4/8 Kw K.D. OUT.

 

 

167--- 479 K - ingresso-3000a7

INGRESSO x N.1 o 2 tubi: 3CX3000A7

 

 

168--- 365 K - 3CX300A7

Alimentatore per 3CX10.000A7 – OUT. 14 Kw – K.D.

 

 

169 - 3000 - 459K

 

170 - 10000- 439 K

 

171 - 500z - 441 K

 

172 - 2-3 500z - 372 K

2 x 3 – 500Z

 

173 - 61 K

 

174 - 1000z - 497 K

 

175 - 30 K

 

176 - 108 K

 

BIRD 43

 

Il Bird modello 43 è uno strumento di misura molto noto e diffuso utilizzato soprattutto da quei radioamatori e sperimentatori che si dilettano nella costruzione di antenne ed amplificatori.

Il Bird 43 è in produzione dagli anni ’50 e ne sono stati costruiti circa 200.000 esemplari subendo nel corso degli anni poche modifiche,sostanzialmente di carattere estetico.

Il Bird 43 è un wattmetro direzionale passante,ovvero uno strumento in grado di misurare la potenza diretta o riflessa su una linea di trasmissione.

E’ composto da un breve tratto di linea coassiale in aria (sistema Thruline),d’impedenza caratteristica 50 ohm,che viene inserita sulla linea da monitorare.

La linea è terminata con connettori di tipo N che all’occorrenza possono essere sostituiti con connettori di altro genere grazie al sistema QC (Quick-Change) che consente una rapida e facile sostituzione .

All’interno della linea,attraverso un alloggiamento presente nella parte frontale del wattmetro,viene inserito un elemento sonda che consente l’esecuzione della misura.

L’elemento,in gergo tappo o slug, deve essere scelto in funzione della frequenza e della potenza in transito.

Poichè la sonda è direzionale,in base al modo in cui viene orientata,indicato da una freccia,misurerà l’onda diretta (da sorgente a carico) o riflessa (dal carico indietro verso la sorgente ) con direttività maggiore di 25 dB.

Il microamperometro da 30 μA non è fissato alla scatola del Bird 43,ma è tenuto elasticamente sospeso da una guarnizione di materiale espanso che ammortizza eventuali urti e scossoni che dovessero verificarsi durante il trasporto.

Il microamperometro ha una scala abbastanza ampiacon lettura diretta in watt e fondoscala tarato su 25,50 e 100 per una facile lettura con tutti i tipi di sonda disponibili,purtroppo non è dotato di fondo a specchio che aiuterebbe ad evitare l’errore di parallasse.

Quando il wattmetro non è in uso,è consigliato di adoperare l’apposito tappo parapolvere che,oltre ad impedire l’ingresso di corpi estranei nel tratto di linea coassiale,mette in corto l’avvolgimento dello strumento.

In alternativa si può girare la sonda di misura in modo che la freccia sia orientata verso l’alto.

 

CARATTERISTICHE

 

La costruzione è robusta,lateralmente è dotato di alloggiamenti con un dispositivo di bloccaggio che consentono di riporvi due sonde di misura oltre a quella in uso.

Le principali caratteristiche sono:

 

VSWR massimo 1.05:1

Range di Frequenza 0.45 – 2700 MHz

Range di Potenza 100 mW – 10 Kw

Accuratezza +/- 5% f.s.

Dimensioni 92 x 102 x 175 mm

Peso 1,36 Kg

 

SONDE

 

Le sonde prodotte dalla Bird per questo strumento sono identificate da un numero seguito da una lettera,il primo indica la potenza di fondoscala della sonda,la seconda il range di frequenza.

Ce ne sono alcune che non rientrano in questo tipo di codifica,sono perlopiù elementi per frequenze o potenze particolari ed hanno un codice numerico.

 

177 -BIRD- 165 K

BIRD Mod. 43

 

 

178 -BIRD- 250 K

BIRD Mod. 43

 

179 -BIRD- 208 K

Sonde

 

 

 

3CX3000A7

 

180 - 299 K - 2-3000

 

 

 

181 - 396 K - 2-3000

 

 

 

182 - 360 K - cx3000

 

183 - 344 K - dissipatore

 

184 - 347 K - dissipatore

 

185 - 342 K - dissipatore

 

188 K - 376 K - cx3000

 

189 K - 326 K - cx3000

 

186 K - 370 K - variabile

 

187 - 336 K - variabile

 

SAMSUNG CAMERA PICTURES

 

 

 

AMPLIFICATORE HF CON 4CX3000 / 8169

 

La 4cx3000/8169, è un tetrodo metallo/ceramica della Eimac in grado di dissipare 3500 watt

Tensione anodica 6000 volt;

griglia schermo a + 600, dissipazione 175 w;

griglia controllo a -150 circa regolabile, dissipazione 50 w;

filamento a 9 volt 45 ampere;

frequenza massima 150 mhz;

dimensioni: h 20 cm, diametro 11 cm, peso 2,5 kg;

zoccolo SK-1400;

camino SK-1406.

 

L’amplificatore funziona in classe AB con ingresso di catodo sulla valvola, tale configurazione diminuisce il guadagno della valvola aumentando la stabilità, infatti entrando di griglia schermo si avrebbe un notevole guadagno ma un elevato rischio di auto oscillazione sulle frequenze più alte. Il circuito di uscita è composto dal classico pi-greco con due condensatori variabili e una serie di relè sottovuoto che cortocircuitano la parte di bobina non usata. Per le frequenze di 3,5 e 1,8 mhz il relè sottovuoto aggiunge delle capacità in parallelo al condensatore di carico. Un relè è usato per cortocircuitare il coke di alimentazione sulla banda dei 28-24-21-18 mhz mentre per il resto delle bande viene usato completamente. Il segnale di uscita passa dapprima per un filtro passa basso poi nella linea di misura bird con apposita testina di misura ed infine alla commutazione rf di uscita . Il segnale in ingresso passa attraverso il circuito di accordo, tarato per ogni banda , e va sul catodo della valvola. Il catodo della valvola elettricamente è al potenziale di massa mentre per la rado frequenza è tenuto alto con l’avvolgimento bifilare su supporto in ferrite della lunghezza di circa 20 cm. Il filo di tale avvolgimento deve essere in grado di sopportare la corrente di filamento della valvola che si aggira sui 45 ampere. Il catodo della valvola coincide con un filamento e non necessita di riscaldamento, accesa e subito pronta. Tale caratteristica e stata comunque limitata da un circuito di preriscaldamento in modo che allo spunto si limita la corrente di accensione per circa 10 secondi.

 

ALIMENTAZIONE

 

L‘alta tensione è ottenuta con un trasformatore da 6kw, primario 220 e secondario 4500 volt, raddrizzata dal ponte raddrizzatore sigillato in resina, vanno bene anche quelli classici per AT, un condensatore a olio da 8 microfarad 10.000 volt. L’alimentazione al trasformatore dell’AT è limitata allo spunto per circa 2 secondi da una resistenza posta in serie al primario che riduce anche qui la corrente di spunto.

La tensione di polarizzazione di griglia controllo è ottenuta con un circuito di stabilizzazione della tensione tramite un operazionale che fa la comparazione tra una tensione di riferimento e quella in uscita. Tale stabilizzazione si ottiene con due resistenze di potenza ed un mosfet da 1000 volt, sulla resistenza R9 scorre sempre la corrente massima prevista nel circuito e quando una parte di questa viene assorbita dalla valvola il mosfet entra in azione aumentando la sua resistenza e di conseguenza la corrente che lo attraversa diminuisce. La protezione della corrente massima di griglia schermo si ottiene tarando V3 che interdice l’intero circuito finché non viene ripristinato con il pulsante di reset.

La tensione variabile di griglia controllo è ottenuta con un circuito di stabilizzazione composto dal TIP 122 e DZ1 mentre la variazione si ottiene girando il potenziometro a filo P1 posto sul frontale dell’amplificatore. Variando tale potenziometro si varia la curva di lavoro della valvola e la corrente che circola in assenza di segnale rf. La EIMAC consiglia circa 500 mA per questa classe di lavoro ed una tensione di griglia schermo di 600 volt.

All’accensione dell’interruttore generale si da tensione al timer da 10 secondi e al trasformatore dei filamenti mediante una resistenza da 100 ohm . Trascorso tale periodo si eccita il relè RL6 e si attiva il primo teleruttore che da tensione limitata al trasformatore dell’AT , trascorsi altri 2 secondi si eccita anche il secondo teleruttore e si ha piena tensione sui circuiti. Tramite in commutatore di banda posto davanti si seleziona il circuito rf di ingresso e la parte di bobina del circuito rf d’uscita. Ponendo a massa il PTT si eccita dapprima RL4 e poi tutti i relè collegati a questo compresi quelli di polarizzazione della valvola. La tensione della griglia schermo passa da 0 a 600 volt mentre quella della griglia controllo da -200 , completa interdizione della valvola, ad un valore di circa -150 tali da far scorrere la giusta corrente in assenza di segnale rf.

 

TARATURA CIRCUITI RF

 

Prima di applicare il segnale rf bisogna, ad amplificatore spento, tarare il circuito di uscita, ossia rispettare i valori di capacità e di induttanza per ogni banda in base alla resistenza di carico della valvola che si aggira sui 2000/2500 ohm . Porre sulla placca della valvola una resistenza verso massa del valore di quella di carico e collegare in uscita al circuito rf un analizzatore con ponte riflettometrico . Posizionare la capacità di placca e di carico, precedentemente misurate, sul valore di riferimento, avendo considerato anche quella parassita della valvola, posizionare il prelievo sulla bobina in modo che risuoni sulla frequenza stabilita. Ripetere l’operazione per ogni banda. Il circuito di ingresso invece può essere tarato sia con lo strumento che con l’apparato radio per il minor r.o.s., tale operazione va fatta con la valvola alimentata e con il circuito rf di uscita accordato sulla banda interessata.

 

ATTENZIONE ALL’ALTA TENSIONE

192 - 68 K

4CX3000 / 8169

 

COSTRUZIONE

 

193 - 178 K

Piano valvola con zoccolo

 

194 - 156 K

Supporti per condensatori variabili,camino e induttanza di blocco

 

195 - 215 K -----------------

 

196 - 189 K

 

197 - 210 K

Variabile jennings,Impedenza Pi-greco,Relè di commutazione di banda

 

198 - 245 K

 

199 - 200 K

Zoccolo e variabili Jennings

 

200 - 206 K

Relè di commutazione di banda

 

201 - 120 K

Ventilatore e circuiti d’ingresso

 

202 - 167 K

 

203 - 161 K

 

 

 

204 - 126 K

Commutazione d’uscita

 

205 - 163 K

Linea di misura Bird per la potenza in uscita con tappo da 10 Kw

 

206 - 181 k

Filtro passa basso

 

207 - 188 k

Taratura filtro

 

208 - 130 k

Taratura Pi-greco uscita

 

ALIMENTATORE

 

209 - 270 k

 

210 - 193 k

 

211 - 123 k

 

212 - 139 k

 

LAVORO FINITO

 

213 - 208 k

 

214 - 226 k

 

215 - 264 k

 

216 - 242 k

Ingressi

 

217 - 169 k

 

218 - 176 k

 

219 - 194 k

 

220 - 57 k

 

221 - 49 k

 

 

222 - 105 k

 

223 - 52 k

Relè sottovuoto jennings

 

224 - 51 k

Linea di misura Bird

 

SCHEMI ELETTRICI

 

225 - 78 k

 

226 - 148 k

 

227 - 162 k

 

228 - 85 k

 

229 - 85 k

Circuito stampato

 

230 - 217 k

 

231 - 53 k

Circuito stampato

 

232 - 141 k

Circuito stampato

 

233 - 66 k

 

234 - 60 k

174 Risposte a “AMPLIFICATORI DI POTENZA R.F. – 2°”

  1. Ronny - Caracas, Venezuela scrive:

    Very nice article, complete, true professional !! It ‘a pleasure to read! Thank you

  2. seo SEOR scrive:

    for now I am studying on your items I would also like to build a device like that!

  3. seo fkdmrn scrive:

    I’d like to mount a 3CX300A7, but I did not understand how the polarization of the tube, it is better to use one Zener or a transistor ?? Many thanks

  4. Kimberly ///// Canada scrive:

    My husband is an amateur radio operator and is very keen on high power, he also has an amplifier like the ones you described, I bought from a friend because he is not able to produce it now after your article certainly will get to work to search for. You have given some good explanations that will certainly be helpful to many .Six was very good and my husband appreciates you

  5. reyzjwko... scrive:

    a few years ago there was a company in America that building amplifiers with 3CX3000A7, but now it has stopped production, I do not know why, but certainly because sales were .these devices are very powerful and therefore need much money or buy them and use them must live in the country, but not everyone has that, then I try to do it alone but still did not succeed.

  6. bwqhtyixa /// Montevideo scrive:

    I too am a ham radio operator and I built many similar devices, but I can honestly say that the valves so powerful I never mounted because they require many precautions and are very dangerous due to high voltage, but in the coming months would try to mount a 1500A7, after reading your article I could succeed.

  7. Tom ,,,,, scrive:

    I too have been a cb and even now continuing to build devices like the ones you’ve shown you, although the size and power a bit ‘lower. I must acknowledge that the amplifiers that shows are very beautiful and well made, and I see you are very experienced.

  8. Akio .... Osaka scrive:

    On your article I see the really great amplifiers that I have rarely seen, once in the US were built by Henry radio, but for so long no longer devices of this size because it has passed the solid state, and these amplifiers have nothing to do with what you do. compliments

  9. Alban---- scrive:

    I really like your article, I’m a ham radio operator and I build A.L., I tried to increase power more than 5 kW, but I have to say that I make use of the capacitors vacuum which unfortunately cost a lot, but I will try to buy them surplus.

  10. Margarita- jzsfxh scrive:

    I am a woman but I studied a technical school of telecommunications, have always been fascinated by RF transmissions and I must say that after reading your article, never hoa found another on the same net, it’s really nice and I will continue to read it again more carefully.

  11. jtidlxpg- Audley scrive:

    I also built some amplifiers such as those present in the article, I’ve always enjoyed the 3cx1500A7 because it is a very versatile and especially very stable valve that then gives great soddisfazioni.Grazie however for the many information you put in the article which is really great.

  12. Carlos --- Brasil scrive:

    Admiring the time and energy you put into your blog and detailed information you offer.
    It’s nice to come across a blog every once in a while that isn’t the same out
    of date rehashed information. Fantastic
    read! I’ve saved your site and I’m including your RSS feeds to my Google
    account.
    ________________________
    Thanks a lot from Italy
    <<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<

  13. Yvonne $$$$ scrive:

    Outstanding arguments. Keep up the great spirit.|

  14. Philothea ___ scrive:

    Hello! I really like your blog! Continue to write more! Very interesting!

  15. Hoshiko scrive:

    Wonderful article!

  16. Akira,, Osaka scrive:

    Quality posts is the secret
    that’s what this website is providing.

  17. Bill scrive:

    Sites of interest we’ve a link to.

  18. Lily scrive:

    Very interesting

  19. Alfio scrive:

    Extremely interesting blog

  20. Sophia,,,,Rotterdam scrive:

    Reading my blog I learned many things, thank you

  21. Vicky # Birmingham scrive:

    I had never seen such a complete site on the subject

  22. Victoria Las Palmas scrive:

    I really like vacuum condensers

  23. Anthimos Arizona scrive:

    I’ve always loved CB amplifiers

  24. Averkios Granada scrive:

    I also managed to do something

  25. Arsenios Malaga scrive:

    Good description of the high voltage transformers

  26. Electre scrive:

    I also became a CB

  27. Similar scrive:

    Pretty nice post. I simply stumbled upon your weblog and wished to say that I’ve truly loved surfing around your blog posts.

    In any case I’ll be subscribing for your feed and I hope
    you write again very soon!

  28. Art -- Indiana scrive:

    I like it

  29. Alger Graz scrive:

    I learned a lot about the valves

  30. Teri Baden scrive:

    Very nice 2 x 3cx3000A7 amplifiers

  31. Patti ,, (/ Leida scrive:

    Live the power valves

  32. Mae scrive:

    With your help I also learned to build some small power equipment

  33. Love scrive:

    With your blog I understand how electronic tubes work

  34. Lynn scrive:

    You should talk a bit more about the input circuits, thank you

  35. Apollinariy -- Moscow scrive:

    From this post I have learned many fundamental notions

  36. Laverne ((( - Montana scrive:

    very interesting the topic of powering the electronic tubes

  37. Arseniy --_ Balabanovo scrive:

    3CX3000A7 they develop a power 5.000 W K.D. !

  38. Arefiy _, Dankov scrive:

    I love long-distance propagation connections

  39. Basileios ,, Sparta scrive:

    2x3CX3000A7 in class B are really powerful

  40. Anisim :::: Dimitrovgrad scrive:

    Congratulations on the amplifiers shown, are really great!

  41. Al'vian Gagarin scrive:

    you are very good in building powerful power amplifiers

  42. Agap Irkutsk scrive:

    very interesting tubing operating classes

  43. Nahla , scrive:

    I really like the amplifiers you’ve made, I think you’re the author!

  44. Adrian Ivanovo scrive:

    beautiful topic!

  45. Glykeria Corinto scrive:

    it’s a very nice emotion to be able to get you feeling all over the world

  46. Abram .. Kaliningrad scrive:

    even the 3CX1500A7 valve, although it is a little smaller, still gives many satisfaction

  47. Avenir , Kirov scrive:

    beautiful appliances, well done!

  48. Askol'd ,,Kursk scrive:

    your explanations are perfect, TY

  49. Al'bert ;) Kirovgrad scrive:

    even small valves are very interesting

  50. Lynette scrive:

    very precise description, all the arguments have been well explained

  51. Aksyon ... Novaja Ladoga scrive:

    reading your articles have managed to build great amplifiers

  52. JustinTut scrive:

    wonderful appliances !!

  53. FrancisHow scrive:

    is a really complete item!

  54. JosephMaymn scrive:

    TY

  55. occhialiok scrive:

    I love this blog!

  56. Stevebap scrive:

    you have explained the polarization of valves very well

  57. Exiantto11k scrive:

    wonderfully described topic

  58. MagdaDEclant scrive:

    thanks for the interest!

  59. Droguewew scrive:

    Thanks for the attention!

  60. AlisaVonoteola scrive:

    thank you for your attention!

  61. Omniashka scrive:

    Thanks for the attention!

  62. Steveshiny scrive:

    I like it!

  63. Carolulcen scrive:

    Thanks for the attention!

  64. RonaldBoype scrive:

    Thanks for the attention!

  65. Thomashig scrive:

    Thanks for the attention!

  66. Davidimata scrive:

    Thanks for the attention!

  67. Robertrat scrive:

    Thanks for the attention!

  68. Davidquesk scrive:

    Thanks for the attention!

  69. fuegreeUpsets scrive:

    Thanks for the attention!

  70. LanrreThusy scrive:

    Thanks for the attention!

  71. Droguewew scrive:

    I rebuke you for interest!

  72. ElitKnig scrive:

    Thanks for the attention!

  73. salvadormv18 scrive:

    Thanks for your attention!

  74. DerrickKer scrive:

    Wonderful post!

  75. Maksgauf scrive:

    This post is done really well, magnificent!

  76. ClerioAmaky scrive:

    This topic is very interesting and from the blog I learned many things!

  77. KinoUser_DUO scrive:

    A really educational blog, so I learned a lot of things!

  78. Muz_DJ scrive:

    I also built some amplifiers, but not as powerful as yours

  79. avouxiasgrulo scrive:

    I really liked the description of the inlet polarization of the tubes

  80. oerluvuyixe scrive:

    I like the resonant circuits and from this blog I learned many things

  81. Billienah scrive:

    Cathode pilot a power amplifier is always the best solution

  82. Omniashka scrive:

    I really like spectrum analysis with the analyzer

  83. Kvas scrive:

    The most beautiful thing about valves is to feel the heat when they shoot all the power!

  84. KinoClub scrive:

    I like the Eimac tubes very much, they really are very good, but I find that the Russian Svetlana tubes are just as good

  85. EugeneLex scrive:

    I like to fit two valves in parallel because they go very well

  86. LouisCex scrive:

    I believe that more than three valves in parallel can not mount

  87. NicholasS scrive:

    I have recently bought an external generator to send my amplifiers in the countryside

  88. SandraPAm scrive:

    The best operating class for a CB is class B

  89. Raymox scrive:

    I tried to do the polarization of the tube with more transistor zener, but I do not really like it

  90. Servicegjf scrive:

    I think Eimac is better than Svetlana from my experience

  91. KinoOlimpN scrive:

    I believe that valve amplifiers will always be superior to those in solid state

  92. Timothydieft scrive:

    I am very happy because I managed to pull out 5Kw from 1 3CX1500A7

  93. EvgenClot scrive:

    I bought 2 Svetlana for 1000 €, really a bargain!

  94. KinoPlaza scrive:

    I tried to pilot the finale with another amplifier, but at the moment I did not succeed

  95. GeorgeSture scrive:

    I never read an article done better than this

  96. VipMuzRN scrive:

    I built a big amplifier but now I have to build a big antenna

  97. Bweranwed scrive:

    I think the cathode pilot is better than the grid

  98. ThomasCoW scrive:

    To drive a 3CX1500A7 I used only 1 EL-509 for maximum output!

  99. KinoLivesN scrive:

    I piloted a ceramic tube with a 813, it’s really OK!

  100. mir2017lP scrive:

    This is the most beautiful post on this subject!

  101. Droguewew scrive:

    I like it!

  102. Leelandtox scrive:

    The amplifiers you have shown are among the most beautiful I have seen

  103. NatalieMen scrive:

    I like it

  104. KinoPlazaN scrive:

    Even the small EL-509 valves give a lot of satisfaction

  105. JammeesMag scrive:

    I tried but can not mount more than four EL-509

  106. Chrissniff scrive:

    There are no ceramic and glass ceramic valves, ceramics are exceptional

  107. KinoLomN scrive:

    I like to build the Pi-Greek entry circuits, they are wonderful cars

  108. VipMuzRN scrive:

    Ceramic valves are really exceptional, the only downside is that they cost too much!

  109. GradyRoult scrive:

    The maximum voltage that can be given to the 3CX1500A7 on short waves is 5000 v.

  110. SandraSef scrive:

    I like it!

  111. MiltonCoist scrive:

    I like it!

  112. Scottawaby scrive:

    Hello pals
    I am sorry if I create off-topic
    But I recently had to seek out a detailed short article about the way to write essays relating to the university.
    I just found a fantastic article. Maybe a person else will will need this facts.

  113. MichaelBrels scrive:

    American valves are better than the Russian ones

  114. EdwinLor scrive:

    A controlled cathode valve is more stable than grid

  115. EileenDog scrive:

    I like it!

  116. Willieven scrive:

    It is very well done the pilot part with a second amplifier

  117. vuckclen scrive:

    A grid control is much more complicated than cathode

  118. zarabotok scrive:

    Today it has become very difficult to find cheap vacuum condensers

  119. Guestruisy scrive:

    I like it!

  120. Matthewaluck scrive:

    Ceramic tubes are really wonderful things, very small and of great power!

  121. classosn scrive:

    The amplifiers you have built are really very beautiful

  122. Droguewew scrive:

    Finally I made a connection with Italy with 9 + 40 dB

  123. fuegree.... scrive:

    you’ve done a great job even with the EL-509

  124. RobertKax scrive:

    I like it!

  125. RobertHed scrive:

    I like it!

  126. Jesuspiono scrive:

    The EL-509 goes very well with grid negative and powered by cathode

  127. CraigAball scrive:

    Moscow is a beautiful city

  128. squiserA scrive:

    I made a link this evening with Italy at 9 + 30!

  129. jamshedio38. scrive:

    I found a socket for 3000 to 300 €

  130. Davidken scrive:

    so far I’ve been able to pull 3 Kw from 1 3CX300A7

  131. elviabh69 scrive:

    even the EL-509 are excellent valves

  132. Davidtrani scrive:

    With 1 el-509 you can safely drive 4 el-509

  133. Henryhon scrive:

    I declare to be a fennel

  134. deanahk16 scrive:

    I declare to be a fennel

  135. DenDer scrive:

    I recognize in front of everyone that I am a fern with broken ass !!

  136. audramm18 scrive:

    I’m a shit of shit I like to take it in her ass

  137. kutnubmi11. scrive:

    my mother is a slut, I’m a big cock that takes her every day

  138. RichardHot scrive:

    With thanks. Valuable stuff.

  139. Vainglomem scrive:

    Again, I obtain a great number of exciting folks and subject areas to discuss below.

  140. Skinnerenery scrive:

    It is my very first time visiting your blog and I am very interested. Thanks for sharing and keep up

  141. Manuelhop scrive:

    I have found quite a lot of helpful information on your site this page in particular. Many thanks for sharing.

  142. Manuelhop scrive:

    It is an excellent resource!A lot of useful info and handy suggestions, bless you

  143. Manuelhop scrive:

    Thanks for sharing with us, I always learn new things from your posts.

  144. AndrewCet scrive:

    I glanced through this website and there is so much handy information, bookmarked

  145. Manuelhop scrive:

    I enjoy everything you post. You’ve done really good job
    ____
    TY

  146. Manuelhop scrive:

    Many thanks for helping people get the information they need. Good stuff as usual. Keep up the good work!!!

  147. AlbertBruts scrive:

    Thank you for sharing with us, I always discover something new from your posts.

  148. Robertfus scrive:

    it’s my very first time visiting your blog and I am very fascinated. Many thanks for sharing and keep up 😉

  149. Johnnychiff scrive:

    I’ve discovered quite a lot of useful information on your website especially this page. Thank you for posting.

  150. AndrewCet scrive:

    Thanks for your fantastic blog. It was actually very useful. I’m so glad I found this.

  151. Johnnychiff scrive:

    I have discovered plenty of useful info on your site this page in particular. Thanks for sharing.

  152. Johnnychiff scrive:

    Many thanks for the blog, it’s loaded with a lot of helpful info. This helped me a lot.

  153. Johnnychiff scrive:

    I am impressed. I don’t think I know anybody who knows so much about this as you do. You need to make a career of it, seriously, amazing blog

  154. DarrellNeido scrive:

    I like everything you post. You have done fantastic job

  155. cypejelo scrive:

    Es la pieza de valor

  156. DustinLouch scrive:

    This is a really great site!So much useful info and handy suggestions, many thanks =)
    _____
    TY

  157. Stewartsulge scrive:

    Many thanks for the blog, it is filled with so much useful info. This .

  158. Hiltongop scrive:

    Wow! This could be one of the most useful things on the topic I’ve ever found. Thanks for your work.

  159. RogerRox scrive:

    Many thanks for the site, it’s loaded with so much helpful information. This helped me a lot.

  160. OctavioKiz scrive:

    Many thanks for helping people find the information they need. Good stuff as usual. Keep up the good work!!!

  161. cypejelo scrive:

    I definitely wanted to post a simple comment to express gratitude to you for some of the magnificent tricks you are giving on this site. My rather long internet search has now been honored with excellent strategies to write about with my family members. I ‘d claim that many of us website visitors actually are quite fortunate to dwell in a magnificent community with many wonderful people with beneficial hints. I feel very much blessed to have encountered your entire webpages and look forward to many more amazing minutes reading here. Thanks a lot again for all the details.

  162. FrankRip scrive:

    This is a good post. This website is loaded with lots of useful things, it really helped me in many ways.

  163. Robertnub scrive:

    Great post, I enjoyed it a lot.I was very lucky to find your website. It has so much useful information!

  164. Haroldprees scrive:

    It is an excellent article. This site has lots of useful things, it really helped me in many ways.

  165. Andrewdic scrive:

    irresistible website

  166. ITWillie scrive:

    It’s a great article. This site has lots of useful things, it helped me in many ways.

  167. Walterhom scrive:

    Many thanks for helping people find the information they need. Great stuff as always. Keep up the good work!!!

  168. Highly recommended scrive:

    Well I sincerely liked studying it. This tip offered by you is very helpful for good planning.

  169. soccer scrive:

    May I simply just say what a relief to discover someone who actually knows what
    they are discussing on the internet. You certainly understand how to bring a problem to
    light and make it important.

  170. live22 scrive:

    Layout, design of this website is gorgeous and the photography is
    stellar.

  171. Rhonda scrive:

    Howdy! This is my 1st comment here so I just wanted to give a quick
    shout out and say I truly enjoy reading your
    blog posts. Thank you so much!

  172. Luciano scrive:

    STO CERCANDO UNA VALVOLA 3CX800A7 per riparare il mio amplificaore ne hai a disposizione una grazie
    —————————————–
    Mi dispiace,uso solo 1500 e 3000

  173. lilliesnyder scrive:

    Ho letto completamente questo paragrafo sull’argomento , è un articolo fantastico.

Lascia una risposta